La Peka

Cucina tradizionale croata: La Peka

Il ricordo gastronomico della mia vacanza estiva in Dalmazia sarà la Peka, un piatto a base di carne e verdure, cotto sulla brace in un tegame dal coperchio a campana (sembra che peka si traduca con “sotto la campana”). Con i miei amici, ho avuto la fortuna di gustare la peka di carne preparata direttamente da una generosa donna croata, che ci ha voluti ospiti alla sua tavola. Al ristorante, probabilmente, non avremmo avuto trattamento migliore.Per la preparazione di questo piatto delizioso si impiega carne di vitello, di pollo ovvero di maiale. E’ possibile, ancora, utilizzare il polpo come ingrediente base. In ogni caso, il metodo di cottura previsto rende le carni scelte molto tenere.Seppure con difficoltà, dovuta alle differenze linguistiche e alle dosi “ad occhio” della cuoca esperta, sono riuscita a strappare la ricetta che segue. Quanto prima, brace permettendo, ci proverò!

Ingredienti per 8 persone:

  • 2,1 kg CARNE;
  • 1 kg PATATE;
  • 1 grossa CIPOLLA;
  • 0,5 kg CAROTE;
  • 1 kg CAPPELLE DI CHAMPIGNON;
  • FORMAGGIO A PASTA FILATA e PANCETTA per farcire i funghi;
  • OLIO EVO;
  • SALE a piacere.

Pulite le verdure, tagliatele in maniera grossolana e disponetele nel tegame con la carne, olio e sale.Aggiungete le cappelle di champignon, farcite con il formaggio e la pancetta.Coprite la pentola e lasciate cuocere sulla brace per un’ora e mezza, mescolando ogni tanto.La peka si serve agli ospiti ben calda, direttamente nel tegame di cottura dal quale ciascuno può servirsi come preferisce.

Ma quale vino farà compagnia a questo fantastico piatto?

Ho pensato ad un Fiano in purezza e non filtrato, con lunga macerazione delle bucce. Un bianco tendente all’arancione, di buona struttura e grande personalità. Così’ sfatiamo un po’ il falso mito del rosso per la carne e del bianco per il pesce. Sto parlando del Don Chisciotte Pierluigi Zampaglione, la cui azienda agricola è sita a Calitri, sulle colline dell’Alta Irpinia.

Dove trovarlo? Enoteche on-line, e per i Salernitani Enoteca San Pietro.

Precedente Ricarichi spillaquattrini! Successivo Mezzo pacchero di Gragnano, crema di patate con colatura di alici di Cetara, cozze del Golfo di Salerno e buccia di limone d’Amalfi